AiM Roma

Un Gesto di Solidarietà: Angeli in Moto ed il cardinale Konrad Krajewski al Servizio dei centri accoglienza

Il 19 luglio è stato un giorno di grande significato per l’associazione Angeli in Moto, che si è incontrata con il cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere del Santo Padre, per una donazione importante. La presidente Maria Sara Feliciangeli e il vice presidente Floriano Caprio hanno rappresentato l’associazione, portando con sé un furgone di circa 400 indumenti nuovi e materiale vario da destinare ai centri accoglienza. Questo gesto di solidarietà, compiuto con il cuore, è stato un momento di profonda riflessione e impegno comunitario.

Il cardinale Krajewski ha sottolineato l’importanza delle donazioni, affermando con parole cariche di significato: “Ciò che doniamo è ciò che siamo”. In queste parole risiede una verità universale, che ci invita a vedere nelle nostre azioni di generosità una riflessione della nostra essenza più profonda. La donazione non è solo un atto di dare, ma un gesto che definisce la nostra umanità e il nostro legame con chi è in difficoltà.

Prima della benedizione solenne, il cardinale ha voluto ricordare un’altra urgenza umanitaria che non possiamo ignorare: la crisi in Ucraina. Il suo recente viaggio nella regione, avvenuto solo la settimana scorsa, gli ha permesso di testimoniare di persona le immense difficoltà affrontate dalla popolazione. “Non dimentichiamo l’Ucraina martoriata da una guerra senza fine”, ha detto con fervore, evidenziando le sofferenze e le esigenze immediate delle persone colpite dal conflitto.

L’appello del cardinale non è caduto nel vuoto. Ha invitato tutti i volontari di Angeli in Moto a impegnarsi in una raccolta continua di generi di prima necessità da spedire a Odessa, una delle città più colpite dalla guerra. La presidente Maria Sara Feliciangeli ha risposto con entusiasmo e determinazione, accettando l’invito e promettendo che l’associazione riprenderà il suo impegno diretto a favore dell’Ucraina a partire da settembre.

Questo incontro non è stato solo una semplice consegna di indumenti, ma un richiamo alla solidarietà e all’azione concreta. Angeli in Moto, con il supporto del cardinale Krajewski, ha dimostrato che la generosità può avere un impatto reale e tangibile. La loro promessa di continuare a sostenere l’Ucraina è un segno di speranza e di impegno verso un mondo più giusto e compassionevole.

In un periodo storico in cui le sfide globali sembrano insormontabili, l’atto di donare diventa un simbolo potente di ciò che possiamo realizzare insieme. Angeli in Moto ha mostrato che, con il cuore aperto e le mani pronte ad aiutare, possiamo fare la differenza nella vita degli altri. È un promemoria che la vera essenza dell’umanità risiede nella capacità di tendere la mano a chi ne ha bisogno, trasformando ogni gesto di generosità in un ponte di speranza e amore.

Angeli in moto Roma In moto senza vista

Angeli in Moto e Disabili Visivi Onlus: un motogiro all’insegna dell’inclusione e dell’emozione

“In Moto Senza Vista” a Roma: un successo di amicizia, condivisione e scoperta

Sabato 12 maggio 2024 si è svolta a Roma una nuova edizione di “In moto senza vista”, un evento organizzato dall’associazione di volontariato Angeli in Moto in collaborazione con l’associazione Disabili Visivi Onlus (ADV).

L’iniziativa, che si ripete ormai da diversi anni in diverse città italiane, ha l’obiettivo di abbattere le barriere che troppe volte escludono le persone cieche e ipovedenti da tante attività, offrendo loro la possibilità di vivere un’esperienza unica in sella a una motocicletta in moto giri che si trasformano in esperienze indimenticabili per tutte e tutti, conducenti e partecipanti.

Anche a Roma, la giornata è stata nuovamente un grande successo, con la consueta numerosa partecipazione dei volontari Angeli in Moto e di tanti soci dell’ADV. L’incontro delle ore 9:00 presso la fermata della Metro B Eur Palasport ha dato il via a una giornata densa di significato, trascorsa partendo alla volta del Giardino di Ninfa, un’oasi di bellezza situata nell’agro pontino.

Il giardino, immerso in un paesaggio di otto ettari, è un vero paradiso botanico, con oltre 1300 specie di piante. I partecipanti hanno potuto godere dell’aria pervasa dalle splendide fioriture primaverili, passeggiare tra i sentieri e godersi l’atmosfera suggestiva del luogo.

Ma il vero punto di forza dell’evento è stato, come sempre, lo spirito di condivisione e amicizia che ha unito tutti i partecipanti: volontari, accompagnatori e soci ADV hanno trascorso una giornata insieme, all’insegna del divertimento, del relax e della scoperta reciproca.

“È stata un’esperienza davvero indimenticabile”, ha commentato una socia dell’ADV. “Grazie agli Angeli in Moto, ho avuto la possibilità di vivere una giornata all’insegna della spensieratezza e della libertà e conoscere persone fantastiche e stretto nuove amicizie”.

L’evento “In moto senza vista” è un’importante occasione per sensibilizzare il pubblico sulla disabilità e per promuovere l’inclusione sociale. Grazie all’impegno dei volontari Angeli in Moto, tante persone cieche e ipovedenti possono vivere esperienze nuove e arricchenti, che contribuiscono a migliorare la loro qualità di vita.

Angeli in Moto: un impegno per l’inclusione

Angeli in Moto è la nostra associazione di volontariato che opera da anni sul territorio italiano con l’obiettivo di aiutare le persone in difficoltà. L’associazione organizza diverse iniziative di solidarietà, tra le quali, appunto, “In moto senza vista”, un progetto nato per offrire alle persone cieche e ipovedenti la possibilità di vivere un’esperienza unica in sella a una motocicletta.

Le parole di una delle socie dell’ADV, contenute in un messaggio inviato alla sezione romana di Angeli in Moto, riassumono perfettamente lo spirito dell’evento:

“Mi unisco ai calorosi ringraziamenti, perché vorrei che tutti i volontari che si sono profusi per farci trascorrere una splendida giornata sapessero che oggi per noi non è stata solo una fantastica gita: giornate come queste ti danno la carica e la voglia di fare cose nuove, esperienze nuove e amicizie nuove. Come ben sapete, spesso per noi non è facile uscire di casa e non solo per motivi pratici, ma anche psicologici. Giornate così spalancano la porta di casa e ti fanno venire voglia di andare e fare. Mimmo, il mio compagno di viaggio e soprattutto di guida, è stato eccezionale. Comunque tutti quanti siete stati fantastici. Floriano: Santo subito. Anche se oggi mi ha preso un po’ in giro 🙂  Un grandissimo abbraccio a tutti voi. Arrivederci, speriamo a presto e con grande piacere.

Scopri di più su Angeli in Moto

Per saperne di più su Angeli in Moto e sulle sue attività, puoi cliccare qui o seguire le pagine social dell’associazione su Facebook e Instagram.

Un invito a donare e a unirsi

L’evento “In moto senza vista” è reso possibile grazie al volontariato della nostra Angeli in Moto, un’associazione che da anni si impegna a promuovere l’inclusione sociale e a sostenere le persone con disabilità.

Se desideri sostenere il nostro impegno, puoi fare una donazione, devolvere il tuo 5×1000 o unirti ai nostri volontari.

Insieme possiamo sempre fare la differenza


Il moto ondoso: riascolta i due episodi dedicati a “In moto senza vista”

L’anno scorso abbiamo dedicato due episodi al racconto di chi “In moto senza vista” lo ha vissuto in prima persona. Due episodi interamente dedicati alla voce di due Angeli delle nostre sezioni di Ragusa e Siracusa: Lorenzo e Giuseppe.

L’aria sulla faccia: Lorenzo e Andrea in moto senza vista. 

Nel primo dei due episodi Lorenzo si racconta e ci porta nel suo viaggio personale, raccontandoci le sfide e le gratificazioni che ha incontrato durante il proprio percorso di vita sino ad arrivare alla partecipazione all’evento “In moto senza vista” dell’anno prima.

Una conversazione toccante che offre una prospettiva unica sul potere trasformativo del volontariato e su come possa lasciare un’impronta profonda nelle vite di coloro che si impegnano a fare la differenza.

Le mani aperte come ali: il volo indescrivibile di Giuseppe e Rosario

Nel corso dell’intervista del secondo episodio, Giuseppe racconta la sua affascinante storia di vita, svelando la profonda passione per i motori, il prezioso sostegno della propria famiglia e l’incontro straordinario con Rosario, un ragazzo ipovedente che ha lasciato un’impronta indelebile nel suo cuore.

Vivi o rivivi queste e tutte le storie di volontariato raccontate dai loro protagonisti nel podcast della nostra associazione di volontariato “Il moto ondoso”. Buon ascolto.


4° Moto incontro Nazionale Angeli in Moto #INSIEME 2024 – Tuoro sul Trasimeno

14-15-16 Giugno 2024: un lungo weekend da vivere su due ruote e in compagnia, immersi tra paesaggi mozzafiato.


Angeli in moto Caschi Rossi

Caschi Rossi: Per sensibilizzare e supportare: unisciti a noi, insieme per un futuro senza violenza

Il progetto Caschi Rossi di Angeli in Moto si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica e supportare le vittime di violenza di genere. Un impegno che da vita a un calendario ricco di eventi, organizzati in tutte le 55 sedi d’Italia Angeli in Moto


Caschi Rossi sotto lo stesso cielo: l’8 marzo parte da Roma la motostaffetta contro la violenza di genere e la violenza sulle donne

Un lungo viaggio per sensibilizzare e supportare le donne: il progetto di Angeli in Moto

Caschi Rossi sotto lo stesso cielo: l’8 marzo parte da Roma la motostaffetta contro la violenza di genere e la violenza sulle donne

Un lungo viaggio per sensibilizzare e supportare le donne: il progetto di Angeli in Moto

Roma, 8 marzo 2024 – In occasione della Giornata Internazionale della Donna, la nostra associazione di volontariato Angeli in Moto dà il via alla propria motostaffetta “Caschi Rossi sotto lo stesso cielo”. Una motostaffetta di portata nazionale che parte da Roma per attraversare l’Italia e sensibilizzare più persone possibile sul tema della violenza di genere.

I motori dei nostri Angeli in Moto si accendono venerdì 8 marzo, per la partenza ufficiale della motostaffetta “Caschi Rossi sotto lo stesso cielo”. 

La linea di  start è la sede del Municipio Roma VII di piazza di Cinecittà 11. Appuntamento ore 09:00 per la cerimonia inaugurale, il taglio del nastro e la consegna del casco da parte del presidente del Municipio VII di Roma Capitale Francesco Laddaga alla nostra rappresentanza di volontari. L’inaugurazione vedrà la presenza sentita a partecipa degli assessori, dei presidenti di commissione e dei curatori del libro “Donne sotto lo stesso cielo”.

Finita la cerimonia di inaugurazione i nostri Angeli con loro la motostaffetta muoveranno verso la Soprintendenza Speciale di Roma, Archeologia Belle Arti e Paesaggio presso il Drugstore Museum di Via Portuense 317. Arrivo previsto per le ore 11:00. 

In tale sede prende vita la presentazione del libro “Donne sotto lo stesso cielo” e del progetto “Caschi rossi”. Queste due tappe romane danno di fatto l ‘inizio della motostaffetta Angeli in Moto. 

L’iniziativa è volta a supportare le donne vittime di violenza in collaborazione e piena sinergia con la rete di associazioni del territorio, con le forze dell’ordine, i servizi sociali e i centri anti-violenza territoriali, grazie soprattutto a percorsi di consapevolezza e supporti concreti fondamentali che spazieranno dall’accompagnamento e assistenza nel corso delle udienze processuali in caso di denuncia, fino al supporto all’autonomia lavorative delle vittime. 

Simbolo del progetto, che coniuga lo spirito dell’associazione con il colore emblema nella lotta alla violenza di genere, è un casco rosso, donato dalla ditta GI.VI. di Brescia, nota e prestigiosa casa di abbigliamento e accessori da Moto, che grazie al proprio supporto valoriale e tecnico, ha reso possibile avvalersi di un testimone prezioso e carico di significato quale un casco a tiratura limitatissima che viaggerà partendo dalla tappa di Roma dell’ 8 marzo verso tutta Italia.

Ad ogni tappa della motostaffetta del nostro progetto Caschi Rossi verrà presentato presso le scuole primarie e secondarie il libro “DONNE SOTTO LO STESSO CIELO – Storie e poesie”, edito da Nemapress Edizioni e curato da Pamela Di Lorenzo con la collaborazione di Luciana Raggi e Maurizio Mazzurco che affronta proprio i temi centrali -sia per i curatori, quanto per noi Angeli in Moto- del nostro progetto “Caschi Rossi”: la parità di genere e la condanna alla violenza sulle donne.

L’opera lo fa attraverso la poesia o meglio le poesie. I versi contenuti sono in buona parte a firma di autori d’eccezione: gli alunni dell’IC Raffaello di Roma, ispirati dai versi di poete e poeti contemporanei che hanno attivamente collaborato alla realizzazione stessa del libro.

Al proprio interno raccolte anche dieci storie vere di donne vittime di violenza che hanno voluto condividere la loro esperienza nell’ambito di un progetto nato nei difficili mesi della pandemia e vivo più che mai, grazie al coinvolgimento di operatori culturali e sociali, scuole, istituzioni, associazioni, comitati e semplici cittadini e non ultimi noi, Angeli in Moto, che lo abbiamo sposato in pieno e omaggiato col nome stesso di un’iniziativa così importante quale la nostra motostaffetta: “Caschi Rossi sotto lo stesso cielo”.

Come sostenere il progetto

Per sostenere il progetto Caschi Rossi, è possibile:

  • Effettuare una donazione all’Associazione Angeli in Moto.
  • Diffondere il messaggio del progetto sui social media e con i propri amici e familiari.
  • Partecipare alle iniziative organizzate dall’Associazione.
  • Partecipare alla motostaffetta

Se sei un biker, se rappresenti un’associazione attiva nel contrasto alla violenza o che voglia unirsi a noi per far fronte comune su questo impegno, se sei membro di un moto club o sei membro di un’istituzione, partecipa alla motostaffetta “Caschi Rossi sotto lo stesso cielo”. Contatta il referente Angeli in Moto che si occupa della calendarizzazione delle tappe:

Fiorenzo Francioli

  • +39 329 650 4406
  • fiorenzo.francioli@angeliinmoto.it

Insieme si può fare la differenza

La violenza di genere è un problema di tutti. Il progetto Caschi Rossi, l’associazione Angeli in Moto, i nostri volontari, tutti i sostenitori, le associazioni che si sono unite a noi, le istituzioni che ci hanno patrocinato, abbiamo tutti un solo obiettivo: dare un segnale concreto di speranza e di cambiamento. 

Solo con l’impegno di tutti possiamo costruire una società più giusta e libera dalla violenza.


Angeli in moto Caschi Rossi

Caschi Rossi: Per sensibilizzare e supportare: unisciti a noi, insieme per un futuro senza violenza

Il progetto Caschi Rossi di Angeli in Moto si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica e supportare le vittime di violenza di genere. Un impegno che da vita a un calendario ricco di eventi, organizzati in tutte le 55 sedi d’Italia Angeli in Moto


Caschi Rossi: gli eventi

Per sensibilizzare e supportare: unisciti a noi, insieme per un futuro senza violenza.




La sinergia tra volontari in sella e “Angeli da scrivania”: il cuore pulsante delle consegne e dell’impegno al servizio di chi è colpito da Sclerosi Multipla

Dietro le quinte di 600 consegne: Stefania e il ruolo fondamentale dell’organizzazione delle consegne farmaci di noi Angeli in Moto

Ciao sono Stefania, un “Angelo da scrivania”.

Scherzosamente mi definisco così perché, anche se non sono in sella a una moto durante le missioni di volontariato Angeli in Moto, svolgo da tempo un ruolo molto attivo nell’organizzazione e nella gestione delle attività di consegna farmaci per conto dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM).

Insieme a un meraviglioso team di oltre 35 volontari, diamo vita alla sezione territoriale di Roma Angeli in Moto, lavorando intensamente per portare sostegno e conforto a tante persona che soffrono di sclerosi multipla.

Così facendo, ogni anno, riusciamo a effettuare circa 600 consegne, un traguardo che racchiude molto impegno da parte nostra ma anche tanta soddisfazione.

I miei compagni di sezione, ma più in generale tutti i volontari Angeli in Moto, sono persone straordinarie prontissime ad attivarsi per raggiungere chiunque ne abbia bisogno.

Come “Angelo da scrivania”, mi prendo cura dell’organizzazione e della pianificazione delle consegne. Ogni volta che un Angelo in Moto parte per una consegna, mi assicuro che abbia tutte le informazioni necessarie e che ogni aspetto della logistica sia ben gestita.

Insieme ci impegniamo a rendere ogni consegna un successo. Siamo sempre disponibili e pronti a supportarci reciprocamente, comunicando in modo preciso durante tutto il percorso della consegna e condividendo il senso di gratificazione che proviamo nel mettercela tutta per fare la differenza nella vita delle persone.

Sono estremamente grata per il lavoro straordinario che la mia sezione svolge ogni giorno. L’impegno e la generosità che ci mettiamo è dettato dal saper bene come non si tratti “solo” di una missione di consegna, ma di un vero atto di vicinanza verso chi soffre.

Quindi, insieme, continueremo ad affrontare sempre nuove consegne e a portare speranza e supporto a coloro che ne hanno bisogno. Sono fiera di far parte di questo associazione e di operare con la mia sezione per rendere il mondo un posto migliore per chi vive con la sclerosi multipla.

Se ti stai chiedendo quanto sia nobile e utile fare volontariato e vuoi saperne di più -magari per diventare proprio un Angelo in Moto- puoi visitare la nostra pagina “Angelo di domani ciao”, puoi telefonare ai numeri +39 0656569948 +39 335445100 o mandare una mail a volontariato@angeliinmoto.it

Riceverai ogni informazione per unirti a noi.

Supportare il volontariato è importante e oltre a prenderne parte attivamente, puoi farlo nell’immediato: questo infatti è il periodo dell’anno nel quale è possibile decidere a chi devolvere il proprio 5×1000. 

Scegliendo di devolverlo ad Angeli in Moto potrai contribuire anche tu alla realizzazione di ulteriori progetti di solidarietà. 

Basta inserire il codice fiscale 96453680587 nella sezione dedicata alla solidarietà della tua dichiarazione dei redditi. L’anno scorso, grazie a questo sostegno, siamo riusciti a realizzare molto e con quello che raccoglieremo quest’anno, continueremo a farlo sempre più convintamente e sentitamente.

Grazie a tanti che ci hanno fatto destinatari del loro prezioso sostegno dando così supporto alle nostre missioni. Angeli in Moto continuerà a svolgerle con l’obiettivo di fare la differenza nella vita delle persone che assiste e delle realtà nelle quali agisce. 

Grazie al 5×1000 siamo in grado di offrire un aiuto sempre maggiore.

Ogni contributo per noi è importante e può fare la differenza consentendoci di continuare la nostra missione di solidarietà.

Unisciti a noi, insieme possiamo fare la differenza.

Ciao, Stefania

Distribuzione gratuita per le famiglie in difficoltà: partecipa alla nostra raccolta alimentare

Roma, sabato 28 gennaio 2023, presso il supermercato “Carrefour Market” di Via Alesia 37, dalle ore 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, primo appuntamento di questo nuovo anno con la periodica raccolta alimentare organizzata dall’Unità di Strada della sede capitolina della nostra associazione di volontariato “Angeli in Moto”.

Una raccolta di beni alimentari e di prima necessità, finalizzata alla distribuzione capillare che l’Unità di Strada svolge direttamente ogni giovedì sera. Un momento interamente dedicato sia al primo soccorso di numerosi senza fissa dimora sparsi in vari quartieri della città, che al sostegno di tante famiglie indigenti e in situazioni di periodica criticità.

Partecipare alle raccolta è il primo passo fondamentale per darci l’opportunità di non lasciare nessuno indietro.

Puoi fare la tua parte in diversi modi:

  • raccogliendo e consegnando al nostro stand cibo e prodotti per l’igiene della persona
  • attraverso una semplice donazione rivolgendoti ai nostri volontari presenti al punto di raccolta
  • prendendo parte alla nostra Unità di Strada
  • con una semplice segnalazione che ci permetta di fare del nostro meglio ed esserci per chi ne avesse bisogno

I beni raccolti infatti sono distribuiti a persone segnalate dai Servizi Sociali dei vari Municipi, dalla rete informale delle Associazioni con cui collaboriamo, su richiesta degli assistiti stessi ma soprattutto dalle tante segnalazioni di soccorso ricevute.

  • I principali beni che è importante riuscire a raccogliere, lo ricordiamo, sono: 
  • Generi alimentari di facile conservazione e di facile distribuzione (tonno, piselli, fagioli in scatola etc.), acqua, the e succhi di frutta in plastica, biscotti, merendine, cioccolata)
  • Cibo per animali (in particolar modo cani)
  • Prodotti per l’igiene della persona (spazzolini, dentifrici, salviette umidificate, saponi liquidi, assorbenti intimi, fazzoletti di carta, deodoranti , tovaglioli, posate di plastica, etc.)

Appuntamento quindi a Roma sabato 28 gennaio 2023, presso il supermercato “Carrefour Market” di Via Alesia 37, dove i nostri volontari e l’Unità di Strada romana saranno presenti sia per la raccolta dei beni, sia per fornire qualunque dettaglio e informazione in merito All’associazione e alle sue tante attività sul territorio.

Il bene che resta è quello che si fa. Vi aspettiamo.

Il dono dell’ascolto e la capacità di intuizione: l’unità di strada testimoniata da Angeli in moto

L’Associazione lancia un appello: con l’arrivo del freddo c’è bisogno dell’aiuto di tutti per salvare chi è in difficoltà

Quali dovrebbero essere le caratteristiche fondamentali di un volontario che opera in contesti sociali complessi? L’ascolto, come punto di partenza e base su cui costruire un rapporto di fiducia tra chi aiuta e chi deve essere aiutato; l’intuizione, che porta il volontario a percepire, in certi casi e senza troppe parole, quando ci sia bisogno di un intervento a sostegno di chi è in difficoltà.

I volontari di Angeli in moto hanno trasformato queste qualità in colonne portanti della propria attività. Da ormai quattro mesi su Bari e due su Roma, l’Associazione ha strutturato un servizio di unità di strada stabile, per fornire supporto e assistenza agli ultimi che troppo spesso la società ha relegato e contina a relegare ai margini.

I senza fissa dimora infatti a volte sono persone disorientate, chiuse in se stesse, quasi sempre sole, diffidenti da un mondo che gli ha voltato tante volte le spalle, con poca voglia di relazionarsi e aprirsi, spesso malate e con uno stato igienico precario. Il contesto in cui si trovano rende estremamente difficile avvicinarsi e instaurare un canale di empatia, che è lo scopo e la missione del volontario.

Nella città di Roma in questi due mesi di attività svolta ogni settimana i volontari di Angeli in moto hanno già incontrato ben 32 persone con l’obiettivo di restituirgli una dignità e riuscendo a trovare per alcune di loro una sistemazione, grazie anche al supporto e all’interlocuzione con i servizi sociali.

In questo senso una testimonianza preziosa rimane quella di Mahmed, che vive in italia da 30 anni e ha perso la gamba destra a causa di un incidente con una motozappa in Calabria. Nonostante la vita con lui non sia stata generosa piegandolo tante volte, Mahmed è una persona cordiale, propositiva, mai aggressiva, che a fine servizio ha salutato così: “Grazie per il tempo che avete speso per parlare con me”. Una frase che al suo interno racchiude il senso profondo dell’essere volontario.

In questa attività infatti non ripagano i sorrisi delle persone, perché i senza fissa dimora non hanno purtroppo sorrisi da donare. Ciò che ripaga è a volte la parola più semplice e ingenua che c’è: “Grazie”.

Con l’arrivo dell’inverno, Angeli in moto lancia un appello: il freddo rende estrema una situazione per tanti già precaria e complessa; c’è bisogno del soccorso di tanti per aiutarne molti.

Angeli in moto parte con l’unità di strada su Roma

Raccolti cibo e beni di prima necessità da distribuire alle persone in difficoltà. La Presidente Maria Sara Feliciangeli: “raggiunto un altro traguardo nel percorso della solidarietà”

Dono, assistenza, supporto, solidarietà, presenza sul territorio: una catena di parole che simboleggiano i cardini su cui poggiano le iniziative di volontariato dell’Associazione Angeli in Moto. Nello specifico, la sezione di Roma nel weekend del 15 e 16 ottobre si è riunita presso la Chiesa della Natività di Via Gallia, per raccogliere cibo e beni di prima necessità da distribuire a chi, in questo momento, vive una situazione di precarietà e difficoltà.

Attivare un presidio permanente sul territorio: questo uno dei principali obiettivi dell’Associazione che, tramite l’avvio di questa raccolta, annuncia l’inizio di un nuovo percorso di solidarietà attraverso la mobilitazione dell’unità di strada. Le offerte di beni di prima necessità infatti, dopo essere state smistate e suddivise per categoria, saranno destinate in parte ai rifugiati ucraini che sono temporaneamente ospitati in strutture alberghiere, e in parte alla distribuzione per i senza fissa dimora della città ogni giovedì sera.

Secondo la Presidente di Angeli in moto Maria Sara Feliciangeli “Grazie alla preziosa collaborazione dei volontari e dei donatori diamo vita ad un nuovo importante progetto che ci permette di essere non solo testimoni di alcune situazioni di difficoltà, ma soprattutto parte attiva di un piccolo ma significativo cambiamento, restituendo una speranza a chi momentaneamente crede di averla persa”.

Angeli in moto a fianco dell’inclusività in tutta Italia

La definizione di inclusione sociale aiuta ad esprimere un concetto semplice: a tutti gli individui devono essere garantiti gli stessi diritti. In ambito sociale, inclusione è sinonimo di appartenenza, e quindi accoglienza, ad un gruppo o ad una istituzione, con l’obiettivo di eliminare qualunque forma di discriminazione, ma sempre nel rispetto della diversità. In questo contesto Angeli in moto ha dedicato al tema dell’inclusività la giornata di domenica 18 settembre, partecipando attivamente o organizzando iniziative sul territorio nazionale.

È Serianna, responsabile della Sezione di Brescia e Bergamo, a raccontare come ha preso vita l’evento “Diversamente in Moto”: “Quattro mesi fa circa un nostro volontario mi telefona e mi dice: “Sono andato a mangiare al 21 grammi, un posto dove ragazzi con Sindrome di down hanno la possibilità di lavorare sia in sala che in cucina inserendosi attivamente nel settore della ristorazione; perché non organizziamo un pomeriggio dedicato interamente a loro?” Nasce così l’idea di questa iniziativa, patrocinata dal Comune di Rodengo Saiano, dove un’amministrazione giovane e dinamica ci ha messo a disposizione un’area con ciclovelodromo all’aperto completo di una pista larga 2 metri e lunga più di un chilometro dove poter girare con le moto”.

“Dopo aver contattato l’Associazione CBDown (Centro Bresciano Down), che a sua volta si è attivata con la Sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Down, hanno partecipato tante famiglie, circa una trentina, con ragazzi e bambini di ogni età, a cui sono stati concessi 2/3 giri sulle moto dei volontari. 21 grammi ha preparato la merenda per tutti i partecipanti ed è stato un pomeriggio di festa nello spirito della condivisione e della gratitudine reciproca, tale da istituire un appuntamento annuale dedicato all’iniziativa”.

Nel frattempo la Sezione di Roma, in una ricorrenza particolarmente significativa come quella della Giornata Nazionale SLA, ha supportato l’Associazione AISLA nell’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica presenziando alla manifestazione di Piazza San Lorenzo in Lucina. La partecipazione attiva è stata il giusto “pretesto” per rinnovare un patto di collaborazione tra le due Associazioni, dove Angeli in Moto è stata, fin dalla sua nascita, profondamente impegnata nel sostegno ai pazienti con disabilità attraverso la consegna di farmaci necessari alle cure.

Ritiro Farmaci

Prosegue il servizio di ritiro farmaci, da parte dei volontari di Angeli in Moto, dalle famiglie che ne fanno dono.

Il servizio, attivo in varie province italiane prevede il ritiro dei farmaci, non scaduti, che le persone hanno in casa e non usano più e la consegna alle farmacie solidali di zona. Il servizio, cominciato in sordina sta avendo una buona risposta in particolare nel Lazio.

Se volete donare farmaci che non usate più, contattate la sezione territoriale di AIM più vicino a voi ed un nostro volontario passerà per ritirare il tutto in sicurezza.

info@angeliinmoto.it

Befana 2021

“La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, con le toppe alla sottana: viva, viva la Befana!”

Si, ma la Befana si rivolge proprio a tutti, grandi e piccini. Ed è un compito gravoso che porta a termine ogni anno tra mille difficoltà.

E allora come sempre in tanti hanno deciso di darle una mano specialmente in queste notti rese ancor più buie dall’ombra nera di un nemico comune.

Vola la Befana e lascia i suoi doni anche lì, nella sede di Salvamamme, l’associazione di volontari guidata dall’infaticabile Maria Grazia Passeri, in via Ramazzini, a Roma, perché ormai sa che attraverso il cuore generoso di molti sostenitori, di numerosi vice-befana, sui volti di tanti bambini fiorirà il sorriso e tante mamme in difficoltà potranno tirare un sospiro di sollievo.

Anche stavolta la nostra Presidente, la “nostra” Sara Feliciangeli, ci guida verso l’impegno solidale.

Piove, piove e non smette, ma noi Angeli in Moto non temiamo l’intemperia, ci proteggono le nostre ali, e magari anche l’automobile, che stavolta sostituisce la moto. Ancora una volta Walter Beneventi, il nostroBefanone, assiste la Befana, coordina la sua pattuglia alata. Tanti pacchi, tanti doni tante calze e… si farà in tempo?

Ma si, accendiamo i motori, si parte! Tranquilla Befana: conosciamo le nostre strade.

Roma è semideserta un po’ per la pioggia che cade insistente e trasforma le strade in pantani, un po’ perché i romani se ne stanno a casa, obbedienti alle misure anti covid. Stavolta niente festa della Befana, si, è un po’ triste ma allora cerchiamo di portare un sorriso in quelle case, in quelle famiglie dove il disagio si sente di più.

Le porte si aprono, grazie, bambini per i vostri sorrisi!